Vendere su Amazon Accedi
Questa pagina riguarda la vendita in: Regno Unito

Regolamento sui prodotti tessili

Il Regolamento (UE) n. 1007/2011 (il "Regolamento sui prodotti tessili") stabilisce i requisiti relativi alla vendita di prodotti tessili nell'UE. I requisiti riguardano le denominazioni delle fibre tessili, l'etichettatura dei prodotti tessili e i metodi di analisi per verificare le informazioni indicate sulle etichette e sulla marcatura.

Se vendi prodotti tessili, devi rispettare i requisiti del Regolamento sui prodotti tessili. È inoltre necessario rispettare le leggi e i regolamenti nazionali applicabili negli Stati membri, che integrano il Regolamento sui prodotti tessili.

Questo materiale è a scopo informativo e non dovrebbe essere utilizzato in sostituzione di una consulenza legale. Consulta il tuo consulente legale per qualsiasi dubbio in merito alle leggi e ai regolamenti relativi al tuo prodotto.

A quali prodotti si applica il Regolamento sui prodotti tessili?

Il Regolamento sui prodotti tessili si applica ai prodotti composti esclusivamente da fibre tessili e prodotti trattati allo stesso modo dei prodotti tessili. Per esempio, prodotti contenenti almeno l'80% in peso di fibre tessili (compresi mobili, ombrelli e rivestimenti parasole).

Esempi di prodotti tessili spaziano dall'abbigliamento alle tovagliette, alle cinture, al nastro, ai fiori artificiali.

I prodotti venduti a persone che lavorano in casa, a imprese indipendenti o a sarti autonomi sono esclusi dal campo di applicazione del Regolamento sui prodotti tessili.

Chi ha obblighi derivanti dal Regolamento sui prodotti tessili?

Il Regolamento sui prodotti tessili si applica al produttore di prodotti tessili. Sei il produttore se produci un prodotto o lo fai progettare o fabbricare e lo commercializzi con il tuo nome o marchio commerciale.

Se non esiste un produttore con sede nell'UE, gli importatori avranno obblighi ai sensi del Regolamento sui prodotti tessili. Sei un importatore se sei basato nell'UE e offri un prodotto per la vendita o la fornitura nell'UE da un paese terzo.

Sei un distributore se non sei un produttore o un importatore e offri prodotti per la vendita o la fornitura nell'UE. Ai fini del Regolamento sui prodotti tessili, i distributori sono trattati come produttori se offrono un prodotto in vendita con il loro nome o marchio commerciale, attaccano l'etichetta stessa o modificano il contenuto dell'etichetta.

Quali sono gli obblighi principali previsti dal Regolamento sui prodotti tessili?

I prodotti tessili devono essere etichettati, contrassegnati o accompagnati dai documenti commerciali richiesti in base al Regolamento sui prodotti tessili. Alcuni esempi chiave dei requisiti sono i seguenti:

Etichettatura:

i produttori devono garantire che i prodotti tessili siano accuratamente etichettati o contrassegnati con un'indicazione durevole, facilmente leggibile, visibile e accessibile delle fibre che li compongono. Qualsiasi etichetta deve essere fissata in modo sicuro. Se il produttore non è stabilito nell'UE, questa è responsabilità dell'importatore. I distributori devono garantire che i prodotti tessili rechino l'etichettatura appropriata, come previsto dal Regolamento sui prodotti tessili.

Alcuni prodotti devono seguire specifiche disposizioni in materia di etichettatura di cui all'Allegato IV del Regolamento sui prodotti tessili. Si tratta di prodotti particolari per corsetteria, tessuti stampati ad acquerello, filati, tessuti di velluto e felpati (o tessuti simili a velluto o peluche) e rivestimenti per pavimenti e tappeti (in cui il supporto e la superficie d'uso sono composti da fibre diverse).

Nota: Se un prodotto contiene due o più componenti tessili aventi un contenuto di fibre tessili diverso, deve recare un'etichetta o una marcatura indicante il tenore di fibre tessili di ciascun componente. L'etichettatura non deve essere fuorviante e deve essere fatta in modo che un consumatore la possa facilmente comprendere.

L'etichettatura e la marcatura devono essere redatte nella lingua o nelle lingue ufficiali in cui il prodotto è venduto. Fanno eccezione al requisito linguistico bobine, matasse, palline o altre piccole quantità di filati per cucire, rammendare e ricamare. Ogniqualvolta tali prodotti siano venduti singolarmente, essi possono essere etichettati o contrassegnati in una delle lingue ufficiali delle istituzioni dell'Unione, a condizione che siano anch'essi "etichettati inclusivamente".

Vi sono alcune eccezioni:

  • alcuni tipi di prodotto, elencati nell'Allegato VI, possono utilizzare un'etichettatura inclusiva (l'uso di un'etichetta unica per più prodotti o componenti) quando sono dello stesso tipo e della stessa composizione in fibre. Esempi includono cinture, scarpe e stivaletti, cravatte e papillon per bambini, fazzoletti.
  • Gli altri tipi di prodotto elencati nell'Allegato V del Regolamento sui prodotti tessili non sono soggetti ai requisiti obbligatori di etichettatura o di marcatura. Tra gli esempi figurano fiori artificiali, ghette, astucci per il trucco, fasce per le braccia, etichette e distintivi, puntaspilli e copri-uova.

Composizione:

  • la descrizione della composizione in fibre dei prodotti tessili deve utilizzare le fibre tessili elencate nell'Allegato I del Regolamento sui prodotti tessili (per esempio, il cotone è "fibra ottenuta dai batuffoli della pianta del cotone (Gossypium)").
    • I produttori, o chiunque agisca per loro conto, possono chiedere alla Commissione di aggiungere una nuova denominazione di fibre tessili all'elenco di cui all'Allegato I. Tale domanda deve essere accompagnata da un fascicolo tecnico (conformemente alle prescrizioni dell'Allegato II del Regolamento sui prodotti tessili).
  • La descrizione "100%", "puro" o "tutto" può essere utilizzata solo se un prodotto tessile è composto esclusivamente dalla stessa fibra.
  • La descrizione "lana vello" o "lana vergine" (e traduzioni in lingue equivalenti degli Stati membri, secondo l'Allegato III) può essere utilizzata solo se il prodotto è composto esclusivamente da una fibra di lana:
    • che non è stata precedentemente incorporata in un prodotto finito
    • che non è stata sottoposta a processi di filatura e/o infeltrimento diversi da quelli richiesti per la fabbricazione di tale prodotto
    • che non è stata danneggiata dal trattamento o dall'uso
  • I prodotti tessili costituiti da più fibre devono essere etichettati o contrassegnati con il nome e la percentuale in peso di tutte le fibre costituenti in ordine decrescente.
  • La presenza di parti non tessili di origine animale (per esempio, un cinturino in pelle su un sacchetto di tessuto) nei prodotti tessili deve essere indicata con la frase "Contiene parti non tessili di origine animale".

Altri obblighi?

Anche i produttori, gli importatori e i distributori di prodotti tessili hanno obblighi derivanti dalla Direttiva generale sulla sicurezza dei prodotti.

Ai sensi della Direttiva generale sulla sicurezza dei prodotti, anche i "produttori" hanno degli obblighi. Un produttore è un fabbricante con sede nell'UE o se non esiste un produttore con sede nell'UE, un importatore o un rappresentante con sede nell'UE.

Per i produttori, gli obblighi comprendono:

  • i produttori devono garantire di vendere o fornire esclusivamente prodotti sicuri.
  • I produttori devono fornire ai consumatori informazioni pertinenti per consentire loro di valutare i rischi inerenti a un prodotto nell'ambito di un uso normale o ragionevolmente prevedibile. Ciò include l'adozione di misure volte a informare i consumatori sui rischi e adottare misure appropriate, tra cui il ritiro dei prodotti dal mercato, l'avvertimento dei consumatori o il richiamo del prodotto, se necessario, per evitare rischi.
  • I produttori devono indicare i loro dati (nome, indirizzo, ecc.) sul prodotto o sul suo imballaggio.
  • I produttori dovrebbero informare le autorità di vigilanza del mercato se sono a conoscenza o dovrebbero esserlo sulla base delle informazioni in loro possesso, che un prodotto rappresenta un rischio per i consumatori perché non soddisfa il requisito generale di sicurezza.
  • I produttori devono cooperare con le autorità di vigilanza del mercato su loro richiesta per evitare rischi derivanti da prodotti che forniscono o hanno fornito.

Per i distributori, gli obblighi comprendono:

  • obbligo generale di dovuta diligenza per quanto riguarda i requisiti di sicurezza
  • obbligo di informare le autorità di vigilanza del mercato, se sono a conoscenza o dovrebbero esserlo sulla base di informazioni in loro possesso, che il prodotto presenta un rischio per i consumatori perché non è conforme al requisito generale di sicurezza
  • obbligo di cooperare con le autorità di vigilanza del mercato su loro richiesta per evitare rischi derivanti da prodotti che forniscono o hanno fornito

Informazioni aggiuntive

Visita il sito web della Commissione europea per maggiori informazioni sul Regolamento sui prodotti tessili:

Accedi per utilizzare lo strumento e ottenere assistenza personalizzata (compatibile solo con browser per computer). Accedi


Raggiungi milioni di clienti

Inizia a vendere su Amazon


© 1999-2021, Amazon.com, Inc. or its affiliates